dal 2009
10 anni di noi con voi
Vai ai contenuti


In questi anni, abbiamo proposto e realizzato laboratori teatrali in vari istituti di istruzione
primaria e secondaria:

  • IC SAN CELSO di MILANO (classi 4° e 5° elementare)
  • IC BASIGLIO (classi 5° elementare)
  • IC NOVIGLIO (classi 5° elementare)
  • IC THOUAR E GONZAGA di MILANO (classi 1° elementare)
  • IC RITA LEVI MONTALCINI di BUCCINASCO (classi 2° media)
  • IC FELTRINELLI di MILANO (classi 5° superiore)
scarica la scheda del progetto
base
laboratorio
scuole elementari

laboratorio
scuole medie
laboratorio
scuole superiori
oppure contattaci per tutti dettagli:






Il "laboratorio tipo" coinvolge un gruppo/classe ed è normalmente strutturato in 10/12 incontri della durata di un'ora e trenta ciascuno (una volta alla settimana).
E' possibile pensare ad un 1° ciclo da ottobre a gennaio ed un 2° ciclo da gennaio a aprile (o in alternativa uno dei due quadrimestri).

Il lavoro verte essenzialmente sulla conoscenza di sé e sulle dinamiche di gruppo e si avvale di attività che hanno il fine di sviluppare il coordinamento motorio e i comportamenti in una situazione relazionale.

L'approccio è esclusivamente ludico e si sviluppa attraverso una serie di giochi.
I giochi, divisi per categorie, affrontano e sperimentano diversi aspetti del lavoro teatrale: lo spazio, il corpo, la voce, il ritmo, la concentrazione e la drammatizzazione.

Spazio: solitamente i ragazzi hanno delle inibizioni nei confronti dello spazio, nel dove collocarsi. Gli esercizi hanno l’obiettivo di rendere i ragazzi consapevoli dello spazio che possono occupare, insieme agli altri, e rappresentano anche un primo approccio al rispetto delle regole; a tal scopo vengono fornite loro norme di comportamento, precise e motivate, che prevengono comportamenti poco produttivi, per il gioco teatrale come per qualunque attività.

Corpo: la percezione sensoriale è il punto di partenza di ogni esperienza e di ogni apprendimento. Gli esercizi di questo laboratorio intendono attivare la sensorialità e la corporeità; sviluppano la percezione di sé e, attraverso questa, la coscienza di sé, per mettersi in relazione con gli altri, per orientarsi e per esprimersi. Il corpo è il principale mediatore delle nostre emozioni. In un lavoro di preparazione al teatro è necessario esplorare le sue infinite capacità espressive, renderlo docile ed efficace. Questo lavoro di scoperta deve essere svolto sempre con grande rispetto e considerazione.

Voce: stimolare l'attenzione e la critica nell'ascolto, nell'uso della voce e dei suoni per dare una forma sonora e un ritmo alle proprie idee. L’intenzione è liberare nei ragazzi quelle potenzialità espressive rimaste inibite. Lo scopo non è tanto portare gli allievi a una dizione corretta e a un potenziamento dell'emissione vocale, quanto renderli consapevoli delle possibilità espressive dell’organo vocale e fornire loro qualche strumento in più per servirsene.
Guidare i ragazzi a comprendere quanto la voce sia fondamentale per veicolare il significato delle parole e per sostenere il senso e il valore del linguaggio verbale. Attraverso esercizi specifici e mirati si dà loro la possibilità di sperimentare che intonazione e ritmo della voce sono importanti veicoli di senso in grado di sottolineare, modificare o addirittura contraddire il significato semantico delle parole e delle frasi.

Ritmo: gli esercizi sul ritmo accrescono la comunicazione tra i membri del gruppo, stimolano l'ascolto reciproco e la ricerca di armonia e contemporaneamente esercitano la coordinazione e il controllo del movimento.

Concentrazione: gli esercizi per la concentrazione consentono di riunire l'energia collettiva attorno a una proposta di lavoro che necessita di attenzione, concentrazione e coinvolgimento. All'inizio di ogni seduta questi esercizi servono a delimitare in modo chiaro il "fuori", quello che si è fatto prima di iniziare il lavoro, e il "dentro", cioè la situazione di lavoro collettivo che si sta iniziando ad affrontare. Anche nel corso di una seduta è sempre utile inserire questi momenti in cui l'energia del gruppo viene rivitalizzata.

Drammatizzazione: porre come obiettivo la preparazione di uno spettacolo è un importante stimolo al lavoro del gruppo. Esibirsi di fronte ad un pubblico è un’esperienza molto arricchente. Tuttavia il momento dello spettacolo di fine corso non è un obiettivo, bensì una fase del lavoro importante e delicata. In questa fase gli allievi acquisiscono autonomia e un dato fondamentale: per creare occorre rispettare delle regole; disciplina e rigore non escludono il divertimento. Lo spettacolo quindi non è e non deve diventare l'unico obbiettivo del fare teatro insieme. Un evento teatrale non si realizza se si hanno grandi mezzi, ma se si è fatto un buon lavoro, se cioè i ragazzi hanno qualcosa da dire e un po’ di "grammatica" teatrale per farlo. Il gioco drammatico fa ricorso a tutte le tecniche esercitate in precedenza (concentrazione, corpo, voce, ritmo), ma soprattutto all'immaginazione che va incoraggiata attraverso la proposta di stimoli diversi.

spazi richiesti e indicazioni pratiche
Un'azione teatrale presuppone che uno spazio (sia esso un'aula, una piazza o un palcoscenico) sia definito come spazio teatrale.
Lo spazio teatrale è uno spazio magico e separato. Anche nel corso degli esercizi e dei giochi, è importante definire sempre lo spazio dell'azione e incoraggiare i partecipanti ad esplorarlo, a conoscerlo e a utilizzarlo nel migliore dei modi.

Per poter sviluppare il percorso sarà quindi necessario avere a disposizione uno spazio ampio da poter utilizzare in modo esclusivo (senza osservatori esterni o pubblico improvvisato) e che la sede rimanga invariata fino alla fine del laboratorio (ad esempio la palestra o aula di psicomotricità) e la possibilità di utilizzare uno stereo per eventuali esercizi con la musica.

E' inoltre richiesta la presenza di almeno una/un insegnante per classe durante lo svolgimento del laboratorio teatrale.
I partecipanti dovranno portare vestiti comodi che consentano loro di muoversi liberamente. Ai piedi è consigliabile indossare calze antiscivolo o scarpe da ginnastica.
messinscena associazione culturale
largo Brugnatelli, 5 Buccinasco (MI)
info@messinscena.it | www.messinscena.it
T. 02 48678342 | M. 335 6766461
p.iva 06864160962
MENU
Torna ai contenuti